Stampa

Ciascun Dipartimento fornisce i parametri di valutazione, relativamente alle attività degli studenti, in base alle conoscenze, alle capacità ed ai comportamenti. I criteri di valutazione, inseriti nelle singole programmazioni di classe, vengono forniti, all’inizio dell’anno scolastico, ai rappresentanti dei genitori e degli alunni. La valutazione finale rappresenterà un giudizio complessivo sullo studente secondo un’ottica globale e non limitata alle singole discipline.

Criteri per la valutazione finale

Il Consiglio di Classe, nel determinare gli esiti di fine anno scolastico per ogni singolo alunno, terrà presenti i seguenti elementi di valutazione:

  • Il livello e la qualità delle conoscenze maturate
  • La capacità di padroneggiare e utilizzare le conoscenze acquisite
  • L’impegno nel lavoro: in classe e nello svolgimento dei compiti assegnati.
  • La partecipazione attiva alla vita della scuola A partire da questi elementi risulta:

Ammesso a pieno titolo alla classe successiva

  • Chi è stato giudicato sufficiente in tutte le discipline, o, pur rivelando qualche  incertezza o in una disciplina, è comunque ritenuto in grado di affrontare autonomamente e senza disagio la classe successiva.

Con sospensione di giudizio

  • Chi, pur avendo conseguito risultati negativi in una o al massimo tre discipline, abbia dimostrato di possedere capacità e autonoma organizzazione, anche attraverso abilità acquisite in altre discipline, tali da far presumere un possibile recupero. Per facilitare tale recupero la scuola attiverà corsi estivi e predisporrà verifiche entro l’inizio  dell’anno scolastico successivo. Al termine delle verifiche il Consiglio di Classe  scioglierà la riserva, ammettendo o non ammettendo l’alunno alla classe successiva.

Non ammesso alla classe successiva

  • Chi presenta insufficienze gravissime in due discipline;
  • Chi presenta insufficienze gravi in due discipline in concomitanza con insufficienza non grave in una terza disciplina e comunque nel corso dell’anno non ha mostrato disponibilità e impegno per rimuovere le lacune emerse nella preparazione, anche frequentando con scarso impegno le attività integrative di recupero o non abbia rivelato particolari interessi e attitudini per il corso di studi o sia carente sul piano logico/espressivo o non presenti sufficienti capacità di recupero tali da non convincere il Consiglio di Classe circa le sue possibilità di affrontare positivamente la classe successiva
  • Chi presenta insufficienze non gravi ma diffuse, tali da far presumere un disimpegno generalizzato.
  • Qualora l’alunno a seguito di sospensione di giudizio, anche in una sola disciplina, risultasse gravemente insufficiente potrebbe non essere ammesso alla classe successiva.

E’ ritenuta insufficienza non grave il voto 5, insufficienza grave il voto 4 (quattro). Per la valutazione complessiva finale il Consiglio di Classe nella sua autonomia tiene conto delle peculiarità di ogni singolo studente. Qualora si verifichi una divergenza insanabile tra i docenti del Consiglio, è previsto il ricorso alla votazione per una delibera a maggioranza.

Proseguendo nella navigazione del sito si presta il consenso all'uso dei cookie. Per informazioni sui cookie utilizzati e sulle modalità di accesso alle opzioni di attivazione/disattivazione si legga l'informativa: Cookies Policy